Franco Cardini

Franco Cardini

Leonardo da Vinci. Innovazione, ambienti, contesti.

Leonardo, artigiano, studioso della natura in funzione della sua arte, sperimentatore. La sua attività, tesa soprattutto tra la Milano sforzesca e la Francia dei Valois, è quella di un ricercatore che si esercita in esperimenti di tecnica applicata. “Omo sanza lettere”, quindi profondamente legato all’esperienza, Leonardo è nell’arte e nella scienza quel che Machiavelli è nella storia e nella politica: un ricercatore della verità intrinseca delle cose che si manifesta dinanzi all’indagatore attento e spregiudicato, con tutti i rischi di fallimento che all’innovazione come pratica sono connessi.

Franco Cardini
Professore emerito presso l’Istituto di Scienze Umane e Sociali della Scuola Normale Superiore di Pisa, directeur d’études presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi e Fellow della Harvard University/Berenson Foundation, vicepresidente della Scuola Superiore di Scienze Storiche dell’Università di San Marino. Il suo ambito di ricerca riguarda essenzialmente la storia delle crociate e dei pellegrinaggi nonché i rapporti fra Europa e Islam. Tra le numerosissime pubblicazioni ricordiamo solo le ultime: Le congiure. Potere e vendetta nella Firenze dei Medici (Laterza 2018), Andalusia. Viaggio nella terra della luce (Il Mulino 2018), La pace mancata. La conferenza di Parigi e le sue conseguenze (Mondadori 2018), Il sultano e lo zar. Due imperi a confronto (Salerno 2018), Neofascismo e fascismo (La Vela- Viareggio – 2018).