Michele Ainis

 Promozione e libertà della cultura nella Costituzione italiana.

 L’articolo 9 della Costituzione è un “unicum”  nel panorama costituzionale contemporaneo: le altre nazioni non se ne sono dotate. Ma come nasce questa disposizione? Quali le sue radici storiche, quali le intenzioni dei costituenti? E come si concilia la libertà della cultura  con l’intervento pubblico sulla sfera culturale, imposto dall’articolo 9 della Carta?  Rispondere a questi interrogativi significa ricostruire il modello costituzionale dei rapporti fra cultura e politica, e significa al contempo illuminare un tratto della nostra identità.

 

MICHELE AINIS

Docente alla all’Università La Sapienza di Roma, preside della facoltà di giurisprudenza all’ Università di Teramo è attualmente professore  ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico  all’ Università di Roma Tre. Componente dell’  “Autorità garante della concorrenza e del mercato”,  ha scritto per “La Stampa”, il “Corriere della Sera” ed è attualmente editorialista di “La Repubblica”. Tra le molte pubblicazioni Doppio riflesso (Rizzoli 2012),  Privilegium: l’Italia divorata dalle lobby (Rizzoli 2012),  La piccola eguaglianza (Einaudi 2015),  L’umor nero: alfabeto del nostro scontento (Bompiani 2015),   La Costituzione e la bellezza (con V. Sgarbi- Editore La nave di Teseo 2016).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.